Pneumatici invernali e altri trucchi per una guida sicura anche in inverno

L’inverno, seppure un po’ in
ritardo, sembra sia esploso proprio in questi giorni, e con esso hanno
fatto capolino freddo, ghiaccio e neve: tutti elementi che possono
risultare pericolosi per chi si mette alla guida. Con un po’ di buon
senso e ricorrendo ad alcuni accorgimenti, dalle gomme invernali
alle tecniche di frenata sulla neve, è però possibile guidare con più
tranquillità anche in condizioni climatiche non proprio favorevoli.

Quando
le strade cominciano a ghiacciare e la neve a cadere, la prima regola è
prestare maggiore attenzione alla guida e usare un po’ di senno: in
questi casi è obbligatorio ridurre la velocità e guidare con maggiore
accortezza, cercando di prevedere anche le “mosse” degli altri
guidatori. Una manovra che sembrerebbe semplice in un contesto normale,
su una strada ghiacciata potrebbe infatti risultare difficoltosa e
causare problemi a noi stessi e agli altri. Naturalmente l’attenzione e
la riduzione di velocità, pur essendo necessarie, di per sé non bastano:
per guidare in tutta sicurezza anche in condizioni svantaggiose è
infatti necessario che la nostra vettura sia in grado di affrontare
ghiaccio e neve.

La prima cosa da tenere sott’occhio è lo stato
degli pneumatici. La recente modifica dell’articolo 6 del Codice della
strada ha sancito che l’Ente proprietario della strada può fissare
l’obbligo per gli automobilisti di dotarsi di pneumatici invernali
(per un certo periodo e per specifiche strade). Le sanzioni, per chi
non rispettasse tale obbligo, potrebbero essere sia di tipo pecuniario
che comportare l’interdizione alla circolazione. L’uso di gomme termiche
o invernali è comunque sempre consigliabile per avere una maggiore
tenuta di strada, e non solo in caso di neve, ma semplicemente in
presenza di temperature rigide.

Gli pneumatici non sono però
l’unica componente delle vetture che deve essere tenuta sotto controllo
con l’avvicinarsi dell’inverno. È molto importante, infatti, verificare
anche lo stato dei tergicristalli, il radiatore (fondamentale la
presenza dell’antigelo), e la capacità della batteria (il freddo può
infatti comportare una riduzione dell’autonomia della batteria stessa).
Anche il parabrezza, con l’arrivo del freddo, necessita di particolari
cure, soprattutto quando si lascia la macchina all’agghiaccio per
un’intera nottata e ci si ritrova al mattino col parabrezza coperto di
neve o ghiaccio. Per risolvere il problema, si può ricorrere all’aria
calda dell’impianto di riscaldamento, ma se si ha fretta ci si può
premunire di alcuni prodotti (deghiaccianti chimici, elettrici o
meccanici) che facilitano questa operazione. Evitate invece di ricorrere
al getto di acqua calda sul parabrezza o di cercare di rimuovere il
ghiaccio con degli oggetti di plastica che potrebbero graffiare il
vetro.

In presenza di ghiaccio o neve, oltre a controllare lo stato di cerchi e gomme
e delle altre componenti della macchina, è anche necessario prestare
particolare attenzione allo stile di guida: oltre ad andare piano e
rispettare le distanze di sicurezza, è consigliabile accelerare
progressivamente per arginare il problema del pattinamento delle ruote,
inserire la marcia superiore se le ruote iniziano a slittare (questo
permette di ridurre la coppia motrice e favorire quindi il ripristino
dell’aderenza) e, quando si deve frenare, evitare l’inserimento dell’ABS
cercando di anticipare la frenata.

Pochi e semplici consigli che ci permettono però di sentirci sicuri anche in condizioni meteorologiche insidiose.

Informazioni sull’Autore

Articolo a cura di Francesca Tessarollo
Prima Posizione Srl

Fonte: Article-Marketing.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *